16-17 settembre: passaggi e palafitta

Ritrovo alle 15.00 alla Trasfigurazione e ci dividiamo subito in 2 gruppi. Mappa alla mano, ci si dirige in due punti diversi: uno va alla coop di Breganzona, l'altro alla Migros di Besso. Raccattiamo dai cassieri le prossime info: dovremo fare spesa e cucinare sul fuoco... a budget ridotto! "Facciamo pasta alla carbonara!"... chissà cosa cucinerà l'altro gruppo...

Raccattati gli ingredienti ci si dirige in sede esplo dove recuperiamo il materiale per cucinare: un gruppo sui mezzi bidoni, l'altro sui fornelli di cemento degli esplo. Montiamo già una seconda tenda: qualcuno dormirà in palafitta, altri nella tenda... Vedremo poi chi dorme dove! E intanto abbiamo un compito: pensare a quali potrebbero essere le indicazioni da mettere nel patto di posto.

Alle 19.00 dovremmo essere pronti per cena... se non che il diluvio universale ci incasina non poco! Acqua piovana con chicchi di grandine diventano parte del menù e l'acqua fatica a bollire... o è perché 1.5kg di pasta per 6 persone sono davvero troppi????? Vabbé.... siamo pio, ce la caviamo comunque! Quindi si improvvisano coperture e si mangiano quintali di pasta scotta! E ci sta anche qualche pseudo banana con cioccolato...

Dopo cena ci dividiamo nelle tende: domai si smonta la palafitta e sarà quindi l'ultima possibilità di dormirci dentro:-(

Il buio è sceso e smette di piovere: siamo pronti per dare un piccolo benvenuto ai nuovi pio e partiamo per il passaggio. I nuovi cercano e costruiscono un braccialetto con 6 foglietti di colore diversi. Ad ogni foglietto corrisponde una caratteristica che i pio devono avere e verranno testati in quell'ambito.

Vengono quindi fatti arrampicare su una corda sospesa, invitati a riflettere su punti deboli e punti forti, fare la punta ad un ramo, guidare un'auto spinta dai pio, camminare cechi a serpente e... condividere un fuoco di bivacco.

Salta fuori che i questo modo abbiamo toccato le 5 relazioni (con se stessi, con gli altri, con le cose, con il corpo e spirituale) e che il 6 foglietto è l'augurio che ogni pio possa essere originale e trovare il suo spazio per scrivere un pezzo di storia del posto pio. L'Al cadere chiude la giornata... anche se qualcuno sta sveglio ancora qualche ora... bestiacce!!

Domenica mattina ritrovo al fuoco di bivacco: ognuno prende un tizzone... ognuno sarà un mattone, ognuno avrà il suo ruolo. Poi facciamo la colazione più povera del mondo (tipo pane e acqua) e smontiamo: tende, refettorio, palafitta, ... togliamo tutto! E per alcuni è come rivivere il campeggio di qualche settimana fa...

Chiudiamo la piccola uscita stanchi ma soddisfatti e con una domanda.: come faremo a non diventare sordi con dei pio così rumorosi? E... sono meglio i Poo o Vasco?